sab 24 apr | Il più grande spettacolo del mondo

Il più grande spettacolo del mondo. Anteprima. IN DIRETTA

Due solitudini abitano un circo. Lei è la Donna Cannone, lui il Direttore. Si preparano per portare al pubblico “Il più Grande Spettacolo del Mondo”. È un circo metafora di una società, una società che è una parata circense.
Registration is Closed
Il più grande spettacolo del mondo. Anteprima. IN DIRETTA

Time & Location

24 apr, 21:00 CEST
Il più grande spettacolo del mondo

About The Event

Apuzzo-Biffi 

IL PIU' GRANDE SPETTACOLO DEL MONDO

anteprima

drammaturgia e regia Stefania Apuzzo - con Francesca Biffi e Luigi Guaineri - aiuto regia Davide Angelotti 

scenografie e costumi Francesca Biffi, con l’aiuto di Paola Tognella (teste pupazzi) - colonna sonora Matteo Curatella, Massimiliano Serra, Stefania Apuzzo - Foto Elisabeth Petrone 

Progetto realizzato grazie al sostegno di  SPAZIO LAMBRATE

Due solitudini abitano un circo. Lei è la Donna Cannone, lui il Direttore. Si preparano per portare al pubblico “Il più Grande Spettacolo del Mondo”. Lei è l’attrazione, a servizio. Lui è al comando, sulle sue spalle grava il successo dello spettacolo. È un circo metafora di una società, una società che è una parata circense. Qui lo viviamo da dietro le quinte, e per quanto se ne parli come un successo mondiale, i retroscena sono scarni, scarni come dirupi. Per sfuggire da questa disadorna esistenza la direzione continua a rilanciare e promuovere lo spettacolo fino a romperne l’equilibrio, invalidarne la poetica. Così il circo è ridotto ad una giostra/carillon e i ruoli al suo interno si rivelano gabbie, strette fino a far dimenticare ai protagonisti il proprio nome. I due personaggi (di matrice clownesca) sono archetipi dell’essere umano maschile e femminile: lei ha due teste suggeritrici sulle spalle per dirsi e sentirsi perfetta, lui ha trampoli e stampelle per dirsi grande e vincente. Sono due esseri super accessoriati, arroccati nel loro io/ quasi-dio/super-io tanto da non riuscire a dialogare neanche dove nel testo è previsto. Grandi ma fragili, giganti ma inutili... Uno spettacolo sulla tenerezza, sulla pietas -ma non verso gli altri- verso se stessi. Osserviamo un carillon vivente che danza due solitudini apparenti ma in realtà fortemente legate l’una all’altra. Questo valzer che suona è il passo con cui danzano insieme solitudine e società: siamo tutti unici e quindi soli, ma essendo tutti nella medesima condizione di solitudine siamo una comunità. 

Il progetto ha avuto inizio quando, indagando sul mito di Prometeo, ho trovato nello scritto di Eschilo la matrice della civiltà europea/occidentale. Una matrice che indica il sacrificio come unica forma di esistenza, la solitudine come condizione unica e favorevole, l’essere maschio più vicino al Dio e l’aspettativa più rumorosa della speranza. Ed ecco l’uomo di oggi: solo e schivo, autoincatenato al sacrificio su un abisso di aspettative. Impaurito della morte ma mai contento della vita. Un essere insoddisfatto e sempre più arrabbiato con gli altri e con se stesso a causa del suo fallimento ma al contempo splendido nelle apparenze. Questa contraddizione, questo contrasto, questa guerra interiore è qui IL PIÙ GRANDE SPETTACOLO DEL MONDO. (Stefania Apuzzo) 

Diretta streaming a cura di Teatro della Contraddizione e MOWlab

regista superviore Marco Maria Linzi

regia streaming Fabio Brusadin

immagini Marco Maccaferri, Salvatore Pugliano, Stefano Slocovich

materiali di ripresa Jumpcut srl

luci Micaela Brignone

allestimento Sabrina Faroldi

costo d'accesso €7,00. Lo spettacolo sarà disponibile per 48 ore.

Paypal accetta anche i pagamenti con carta di credito.

Infoline diretta@teatrodellacontraddizione.it

Schedule


  • 1 ora 30 minuti

    Il più grande spettacolo del mondo. Anteprima

Tickets
Price
Quantity
Total
  • accesso online
    €7
    +€0.18 Service fee
    €7
    +€0.18 Service fee
    0
    €0
Total€0